Il Salotto Italiano

di cuckold / sweet e bull
Oggi è sabato 31 luglio 2021, 6:56

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 259 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente   1 ... 22, 23, 24, 25, 26  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: giovedì 31 dicembre 2020, 11:43 
--------------------
--------------------
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 19 agosto 2015, 18:30
Messaggi: 96
Se io cresco un figlio con amore e rispetto, condividendo gioie e dolori, che differenza fa, alla fine se il figlio è mio o di qualcun altro?
Alla fine si vuole bene ad una persona per quello che è, per ciò che si è vissuto insieme, insomma è un individuo a se stante. L'importante è che lo abbiamo sempre desiderato. Ma che discorsi fate? Dovrei trattarlo diversamente perché ha un codice genetico differente? Anzi potrebbe essere un vantaggio.
Non è che il vostro è un retaggio di educazione postcattolica?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: giovedì 31 dicembre 2020, 11:59 
--------------------
--------------------
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 19 agosto 2015, 18:30
Messaggi: 96
brad59 ha scritto:
Da sapientone, un consiglio :fatti curare, il corpo e la mente, non saprei però dirti in quale ordine.

Se dai del malato a me, offendendo la persona, senza nemmeno entrare nel merito della discussione, allora sei una persona indegna


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 2:05 
moderatore
moderatore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 30 giugno 2008, 22:53
Messaggi: 3888
Località: Napoli
Giancarlo62 ha scritto:
brad59 ha scritto:
Da sapientone, un consiglio :fatti curare, il corpo e la mente, non saprei però dirti in quale ordine.

Se dai del malato a me, offendendo la persona, senza nemmeno entrare nel merito della discussione, allora sei una persona indegna

Ma che cazzo, non litigate mai e poi litigate proprio a capodanno rovinando la festa ai mod? (agli altri, io sto già dormendo).
Su, non diamo patenti di malato e di indegno, non facilitano il dialogo.

_________________
Ex tutto


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 2:57 
--------------------
--------------------
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 19 agosto 2015, 18:30
Messaggi: 96
Infatti io non insulto *********************

Moderatore dice: non fingiamo di non intendere gli accorati appelli dei mod. Ho editato con gli asterischi, la prossima volta cancello il post. Grazie.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 3:08 
moderatore
moderatore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 30 giugno 2008, 22:53
Messaggi: 3888
Località: Napoli
Giancarlo62 ha scritto:
Se io cresco un figlio con amore e rispetto, condividendo gioie e dolori, che differenza fa, alla fine se il figlio è mio o di qualcun altro?
Alla fine si vuole bene ad una persona per quello che è, per ciò che si è vissuto insieme, insomma è un individuo a se stante. L'importante è che lo abbiamo sempre desiderato. Ma che discorsi fate? Dovrei trattarlo diversamente perché ha un codice genetico differente? Anzi potrebbe essere un vantaggio.
Non è che il vostro è un retaggio di educazione postcattolica?


Il dialogo si fa sulla base della buona fede dialogica che prevede che non si falsifichino gli argomenti altrui. Questa è la seconda volta che usi lo straw-argument (la prima con claudione).

Nessuno qui si è sognato di dire che un bambino è meno bambino o deve/può essere discriminato in base al suo corredo genetico, quindi cambia bersaglio.
Ti si è detto invece che sono i genitori, sia biologici che legali, che dovrebbero rifuggire da scelte simili, e ciò proprio a tutela del bambino (ma anche di sé stessi).

Parto dal presupposto che anche il padre biologico sia al corrente che sta per ingravidare la donna. Se non è così siamo nel campo della delinquenza.

I motivi della contrarietà di molti (me compreso) sono molteplici.
1. Motivi giuridici.
Il corredo genetico non è indifferente, il bambino ha diritto di sapere chi è il proprio padre biologico. Diritto “morale” e diritto sanitario: ad esempio per il monitoraggio di malattie a cui si è predisposti o malattie ereditarie o terapie che dipendono dal corredo genetico. E motivi psicologici, rischia di saperlo mentre gli fanno un test per trovare un donatore di organo compatibile con lui e sai il colpo.

2. Motivi patrimoniali.
Ma il bimbo ha altri diritti, ad esempio di natura patrimoniale. A una certa età scopre che il padre biologico è un altro; l’altro è ricco; o non è ricco ma ha scritto la canzone di natale più gettonata che gli produrrà diritti d’autore a strafottere. E il bambino, cresciuto, farà o può fare il disconoscimento/riconoscimento di paternità. Non necessariamente per avidità: è ad esempio destinato a diventare il più grande fisico delle particelle dai tempi di Niels Bohr, ma deve andare a Princeton a studiare; ci vogliono 300.000 euro e il padre legale non li ha ma il padre biologico sì. Il padre biologico ha altri figli, nel frattempo si è sposato. Somma: due famiglie distrutte.

3. Motivi psicologici.
Il padre legale si rompe il cazzo e si separa. O non si separa, ma gli passa la fascinazione per le perversioni; o magari il bambino è rompicazzo o malato o insopportabile. Insomma cambia idea, va dal giudice, fa disconoscimento di paternità. Succede, abbastanza spesso, se vuoi ti do i riferimenti. Chi glielo va a dire al bambino? Certo, sarà stronzo l’adulto, chi dice di no, però succede.
Oppure il contrario. Il padre biologico dopo qualche anno gli passa la fregola, desidera un figlio da crescere e da viverci insieme. Ma non riesce più, è infertile o lo è sua moglie. Allora si ricorda che un figlio ce l’ha. Ok ha ormai cinque o sei anni, ma meglio, almeno si è risparmiato le nottate. Va dal giudice e chiede il riconoscimento di paternità (che gli danno senza però dargli l’affidamento; ma ha comunque dei diritti).


Ce ne sono molti altri. Ad esempio ti risparmio i motivi legati alla psicologia materna e al valore simbolico di un figlio nell’ottica del legame d’amore tra due adulti. O quelli legati ai rischi di incesto.

Per tutti questi motivi la grandissima maggioranza delle società si è data nella storia un ordinamento giuridico e valoriale che tende a preservare la certezza e la stabilità dell’appartenenza del bambino a un determinato nucleo familiare (rafforzando l’ordinamento, su questo hai ragione, con sistemi di tabù e giudizi di disvalore, spesso, ma non solo, a carattere religioso).
Credo che sia abbastanza perché tu concluda autonomamente che l’educazione postcattolica non c’entra una beneamata minchia. :D

Aggiungo.
Tu parli di biologia (“la sborra serve a quello”). Ma l’argomento biologico non è dalla tua parte: la nostra biologia/etologia ci spinge piuttosto a preservare il nostro corredo genetico e assicurare longevità ai nostri caratteri somatici. La biologia/etologia ci impone (ben prima della legge) di curare e nutrire e proteggere nostro figlio, preferendolo agli altri se possiamo salvarne solo uno.

Insomma da qualunque parte la guardi, questa perversione, o se preferisci parafilia, vìola norme biologiche, giuridiche, culturali. Libero di coltivarla, di parlarne qui o altrove, perfino di realizzarla, ma non di dire che “non scendiamo nel merito” (più di così?) o che siamo influenzati dal “retaggio di educazione postcattolica”.
(Che poi, se pure fosse: embè?)


Pa immagino che intendessi “cattolico” più che “postcattolico”.

_________________
Ex tutto


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 9:03 
-
-
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 11 gennaio 2007, 23:48
Messaggi: 2439
Località: Centro Italia
Domingo ha scritto:
Giancarlo62 ha scritto:
brad59 ha scritto:
Da sapientone, un consiglio :fatti curare, il corpo e la mente, non saprei però dirti in quale ordine.

Se dai del malato a me, offendendo la persona, senza nemmeno entrare nel merito della discussione, allora sei una persona indegna

Ma che cazzo, non litigate mai e poi litigate proprio a capodanno rovinando la festa ai mod? (agli altri, io sto già dormendo).
Su, non diamo patenti di malato e di indegno, non facilitano il dialogo.

Dom non mi preoccupa passare per indegno, ma qui c'è qualcuno che si diverte a provocare e ad offendere la nostra intelligenza, e al dialogo non ci pensa proprio.
E a me non sta bene dopo tanti anni di partecipazione al forum di essere preso per i fondelli da certa gente.
Se ti va tientelo. Io mi chiamo fuori.

_________________
Curioso, di sweet soprattutto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 10:32 
-
-

Iscritto il: martedì 27 novembre 2012, 15:28
Messaggi: 3558
Località: Emilia
Eddai zio Brad, non ti offendere e non fare il permaloso.
Sai che non posso stare senza di te :kissyou:

_________________
Diciamocelo con franchezza: siamo tutti sempre aspiranti. (cit.Malibu, 22 marzo 2016)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 11:37 
--------------------
--------------------
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 19 agosto 2015, 18:30
Messaggi: 96
Moderatore, chiedo come mai sei intervenuto solo il1 gen, quando invece un utente è stato insultato e offeso il 30 dic? Soprattutto dopo che l'utente aveva confidato di avere veramente dei problemi fisici?

Quella pratica di cui hai accennato, che è la seconda volta che utilizzo, io non so cosa sia. Magari se hai voglia me la spieghi.

Riguardo tutti i problemi cui fai riferimento, sarebbero validi qualora io per es. Sabotassi il preservativo del bull, alle spalle di entrambi. Ma io ho detto, dopo averne già parlato con la moglie di questa possibilità, a un certo punto toglierei il preservativo al bull, questo semplice gesto, che semplice non è, toglie spago a tutte le tue argomentazioni, in quanto il bull prende coscienza che da quel momento in poi sia lui che mia moglie possono scambiarsi malattie sessuali, anche se poco probabile conoscendosi ormai da diverso tempo, ma allo stesso tempo capisce che completando il rapporto potrebbe ingravidare quella fighetta. Contemporaneamente la moglie, che finora non abbiamo dato molta importanza si trova veramente ad un bivio e sa veramente a cosa potrebbe andare incontro, infatti guarda suo marito con sorriso di intesa e vissero felici e contenti.
Io non vedo tutte queste implicazioni giudiziarie e genetiche o di eugenetica.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 16:48 
moderatore
moderatore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 30 giugno 2008, 22:53
Messaggi: 3888
Località: Napoli
Giancarlo62 ha scritto:
Moderatore, chiedo come mai sei intervenuto solo il1 gen, quando invece un utente è stato insultato e offeso il 30 dic? Soprattutto dopo che l'utente aveva confidato di avere veramente dei problemi fisici?[\quote]
Perché sono un moderatore, non un cottimista. Cerco di controllare il più possibile, anche di stimolare le discussioni o di indirizzarle. Di solito vengo tutti i giorni, qualche volta non ci vengo perché non ho tempo o ho i cazzi miei.

Cita:
Quella pratica di cui hai accennato, che è la seconda volta che utilizzo, io non so cosa sia. Magari se hai voglia me la spieghi. [\quote]
La prima volta con claudione. Aveva scritto “ Figlio vuol dire una relazione che dura finche non muori”, che dovrebbe essere chiaro; e tu fai una tirata per protestare che quando mai un matrimonio è eterno: “Figlio significa matrimonio per sempre, ma dove l'hai presa?” A claudione, poi, cioè a uno che sta raccontando in un interessantissimo thread la sua vicenda di marito e padre separato che non pensa nemmeno di tornare con la moglie anche se ne continua a sentire l’attrazione.
La seconda volta è ancora peggio. Tutti ti dicono che sono contrari alle tue idee perché sommamente dannose per i bambini; e tu replichi testualmente: “Dovrei trattarlo diversamente perché ha un codice genetico differente?” Eh, Giancarlo, guarda che ti hanno detto proprio l’opposto. Però tu attribuisci all’interlocutore una cosa che non pensa e non ha detto, così hai buon gioco ad attaccarlo. Argomento-fantoccio at its best.
Ti prego di non rifarlo perché scoraggia la discussione.


Riguardo tutti i problemi cui fai riferimento, sarebbero validi qualora io per es. Sabotassi il preservativo del bull, alle spalle di entrambi. Ma io ho detto, dopo averne già parlato con la moglie di questa possibilità, a un certo punto toglierei il preservativo al bull, questo semplice gesto, che semplice non è, toglie spago a tutte le tue argomentazioni, in quanto il bull prende coscienza che da quel momento in poi sia lui che mia moglie possono scambiarsi malattie sessuali, anche se poco probabile conoscendosi ormai da diverso tempo, ma allo stesso tempo capisce che completando il rapporto potrebbe ingravidare quella fighetta. Contemporaneamente la moglie, che finora non abbiamo dato molta importanza si trova veramente ad un bivio e sa veramente a cosa potrebbe andare incontro, infatti guarda suo marito con sorriso di intesa e vissero felici e contenti.
Io non vedo tutte queste implicazioni giudiziarie e genetiche o di eugenetica.

Eugenetica non c’entra un cazzo ovviamente. Le implicazioni sono giuridiche, patrimoniali e psicologiche.
Non le vedi perché:
1. Pensi che nessuno dei tre soggetti adulti possa cambiare idea, gli possano cambiare le condizioni, possano cambiare loro.
2. Pensi che il quarto soggetto, il bambino, non solo non abbia voce in capitolo da piccolissimo ma non l’abbia nemmeno quando cresce. E invece i tre adulti possono magari restare d’accordo tutta la vita, ma il bambino a 10-15-18 anni può pensarla diversamente. E se fa il culo in tribunale a quei tre irresponsabili, ha la mia simpatia.

_________________
Ex tutto


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Quando lei è incinta.
MessaggioInviato: venerdì 1 gennaio 2021, 17:02 
moderatore
moderatore
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 30 giugno 2008, 22:53
Messaggi: 3888
Località: Napoli
brad59 ha scritto:
Dom non mi preoccupa passare per indegno, ma qui c'è qualcuno che si diverte a provocare e ad offendere la nostra intelligenza, e al dialogo non ci pensa proprio.
E a me non sta bene dopo tanti anni di partecipazione al forum di essere preso per i fondelli da certa gente.
Se ti va tientelo. Io mi chiamo fuori.

A Giancarlo sono stati dati argomenti a iosa; dopo aver accusato gli altri non scendere nel merito delle argomentazioni, ha opposto solo “io non vedo le implicazioni”, senza confrontarsi con esse (giustamente tu rilevi che il dialogo manca soprattutto dal suo lato). Possiamo stare tranquilli: l’intelligenza di nessuno viene offesa.
Giancarlo ha opinioni molto lontane dal consenso generale, esse richiederebbero un gigantesco sforzo argomentativo che però non viene messo in campo, per cui si può solo concludere in uno dei due modi seguenti:
1. Giancarlo è schiavo delle sue perversioni. In tal caso lo invito a fermarsi e riflettere: può uscirne, può guardarle dal di fuori, se si sforza. Le sue lenti sono deformanti, è consigliabile provarne delle altre. Se poi pensasse a realizzare le sue idee sarebbe potenzialmente un guaio.

Oppure

2. Gisncarlo si diverte a épatér le bourgeois. In tal caso: yawwnnn... :dorme:

_________________
Ex tutto


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 259 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente   1 ... 22, 23, 24, 25, 26  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010